Continuando a utilizzare il sito web, l'utente accetta l'uso dei cookie. Ulteriori informazioni: informativa sulla privacy

Centro di lavoro a CN

Questa è una traduzione automatica.

Il termine centro di lavoro CNC descrive un centro di lavoro stazionario, A controllo numerico macchine utensili. A seconda del tipo e della direzione di lavorazione del pezzo sono possibili diverse versione. La denominazione è spesso abbreviata con "CNC" o "BAZ".

Anche se ci sono anche a controllo numerico seghe per pannelli, Bordatrici e molti altri tipi di macchine con controllo-CNC, "CNC" è di solito equiparato a "centro di lavoro CNC".

Costruzione di un centro di lavoro CNC

Un centro di lavoro CNC è costituito fondamentalmente da due elementi: Un telaio della macchina con Piano di lavoro e la struttura di supporto o la struttura della macchina su cui il Supporto d'aggregato si trova.

Piano di lavoro:

Schemi di base dei piano di lavoro:

Esistono molte altre soluzioni speciali e sistema di fissaggio, ma questi sono i più comuni.

Supporto per la configurazione/della macchina:

I centro di lavoro CNC possono essere suddivisi in 2 costruzioni di base:

Qui ci sono anche vari forme speciali.

Supporto d'aggregato:

Le unità effettive necessarie per'lavorazione si trovano sul supporto d'aggregato. Questi possono essere, ad esempio:

Storia

L'odierno centro di lavoro CNC sviluppato a partire da due tipi di macchine utensili: il router CNC e la foratrice PTP.

La fresatrice CNC sviluppata a partire dalla fresa profilatrice classica, con la quale si potevano produrre pezzi formati libero utilizzando controsagome. Negli anni '60, l'azienda giapponese Shoda Ironworks ha introdotto sul mercato il primo fresa profilatrice a controllo numerico per lavorazione del legno. La prima macchina CNC europea fu introdotta da Bulleri poco tempo dopo.

Parallelamente, dall'inizio degli anni '70, vari aziende hanno sviluppato foratrice controllate da PTP. In alcuni paesi il termine "macchina PTP" o "Point-to-Point" si è point-to-Point che a volte viene utilizzato in questi paesi al posto di "centro di lavoro CNC".

Verso la metà e la fine degli anni '80, la distribuzione di massa dei computer domestici attraverso un forte calo del prezzo della tecnologia informatica, che ha avuto un notevole impatto anche sulle macchine controllate da computer.

Durante questo periodo, molti altri fabbricante hanno introdotto sul mercato nuove generazioni di macchine, dove non era più possibile differenziare con precisione tra router CNC o foratrici PTP.

I fabbricante macchine di perforazione PTP offrono ora mandrino di fresatura e, se necessario, ulteriori aggregati (ad esempio BiesseMorbidelli, Weeke). I fabbricante si specializzano maggiormente in router CNC (ad es. Maka, ReichenbacherSCM) ora equipaggiano ulteriormente le macchine con unità di perforazione e altri aggregati (ad es. Gruppo per fori di serrature).

Attraverso la necessità di integrare più unità funzionali in una sola macchina, l'utilizzo di Supporto d'aggregato attraverso.

Alla fine degli anni '80, le aziende Homag e IMA hanno portato con loro quasi contemporaneamente macchine stazionarie CNC Gruppo per macchine d'incollaggio bordi al mercato. Qui il termine "centro di lavoro CNC" è stato utilizzato nelle brochure e nelle descrizioni delle macchine.

Poco dopo l'introduzione iniziale del termine e la contemporanea diffusione delle macchine multifunzionali a controllo numerico, il termine "centro di lavoro CNC" si è affermato per tutte le a controllo numerico tutti/e stazionario nella lavorazione del legno.

Immagini e video

WEEKE BHX 500
WEEKE, 2016
Video
Weeke BHX 200: Maschine mit vertikaler Arbeitsfläche und Greifzangen
WEEKE, 2014
IMA Bima P480, Portalmaschine mit 3 unabhängigen Aggregateträgern
IMA, 2009
Masterwood Project 110M, kleines Nesting-Bearbeitungszentrum
MASTERWOOD, 2012
WEEKE CNC-Bearbeitungszentrum BHX 500
WEEKE, 2007
Video
Homag BAZ: Bearbeitungszentrum mit Kantenanleimen
HOMAG, 1989
CNC-Oberfräse SCM Routomat 1
SCM, 1986
PTP-Bohrautomat Biesse Rover 16
BIESSE, 1987
Erste CNC der Holzbearbeitung: CNC-Portalfräse von Shoda
SHODA, 1968

serie (740)

RIERGE
TECNOMA
SETEC
BULLMER
PROTEK S.R.L.
EXCITECH